Non perdere tempo: analizza l’influenza dei NFP sul dollaro statunitense!

Avviso di raccolta dati

FBS registra i tuoi dati per poter gestire questo sito web. Premendo il pulsante "Accetta", accetti la nostra Normativa sulla privacy.

Ci segui su Facebook

Libro Forex per principianti

La Guida Forex per principianti ti guiderà attraverso il mondo del trading.

Le cose più importanti per iniziare a negoziare
Inserisci la tua email e ti manderemo un Libro Forex per principianti gratuitamente

Grazie!

Abbiamo mandato un link speciale alla tua email.
Clicca sul link per confermare l’email ed ottenere gratis unLibro Forex per principianti per principianti.

FBS Area personale mobile

GRATIS - su Google Play

Vista
L’euro è in crescita per il quinto giorno

L’euro è in crescita per il quinto giorno

Le informazioni non possono essere considerate consigli di investimento

EUR/USD è in aumento per via dell’ampia svendita dell’USD e del sentimento di rischio generale. Vediamo cosa può fermare questo rialzo.

Fondamentali

Il rally dell’euro è iniziato con la dichiarazione della BCE della scorsa settimana, quando la banca centrale ha parlato di un euro più forte. Oggi la Cina ha pubblicato indicatori economici ottimisti: produzione industriale, vendite al dettaglio, investimenti in asset fissi e tasso di disoccupazione. Tutti i dati sono risultati essere migliori delle previsioni degli analisti. In più, le speranze legate al coronavirus hanno aggiunto ottimismo al mercato. Di conseguenza, il sentimento del mercato è migliorato dando sostegno agli asset più rischiosi e pesando sul dollaro statunitense nel suo ruolo di bene rifugio.

I nuovi casi di coronavirus stanno aumentando in alcune parti d’Europa, ma per ora gli investitori stanno ignorando questa notizia. Inoltre, c’è un po’ di incertezza sulla Brexit poiché il primo ministro britannico Boris Johnson ha approvato la legge sul mercato interno che viola il precedente accordo UE-Regno Unito. Il peggioramento delle relazioni potrebbe portare a una hard Brexit che avrebbe un impatto negativo sulla Zona euro e sul Regno Unito.

Suggerimenti tecnici

EUR/USD si sta muovendo sopra le medie mobili di 50, 100 e 200 giorni, segnalando uno slancio rialzista. L’indicatore RSI è a livelli piuttosto alti, ma ancora sotto 70, il che indica che l’euro non è ancora ipercomprato. La coppia non è riuscita a rompere più volte la resistenza significativa a 1,1940. Se riesce a superarla, si aprirà la strada verso il segno psicologico chiave di 1,2000. I livelli di supporto si trovano ai minimi dell’8 settembre e del 28 agosto rispettivamente a 1,1770 e 1,1700.

EURUSDDaily.png

ACCEDI

Simile

Popolare

Scegli il tuo sistema di pagamento

Ulteriori informazioni